Uno degli effetti più importanti è quello di garantire loro l’accesso all’istruzione e il pagamento delle spese scolastiche che, date le condizioni di povertà delle famiglie, solitamente sono le prime ad essere sacrificate. Molte volte, infatti, i bambini sono costretti ad abbandonare gli studi per contribuire economicamente al sostentamento delle famiglie, solitamente molto numerose.

Riteniamo l’istruzione uno dei valori fondamentali, in assoluto e a maggior ragione nei Paesi in via di sviluppo. Proprio gli Obbiettivi di Sviluppo del Millennio sottolineano l’importanza dell’istruzione e della lotta all’analfabetismo in Africa come presupposto per uno sviluppo locale duraturo.
È per questo che il pagamento delle spese scolastiche rientra in tutte le tre possibili modalità di sostegno a distanza, studiate per far fronte alle diverse esigenze e sensibilità dei donatori:

  • Opzione “SCUOLA”: 10,00 Euro al mese. Con la somma di 120,00 Euro annui si può garantire il pagamento delle spese scolastiche per un bambino: tassa di iscrizione, retta, materiale didattico, divisa scolastica;
  • Opzione “SCUOLA, GIOCHI e PASTI”: 20,00 Euro al mese. Con la somma di 240,00 Euro annui, oltre alle spese scolastiche, si garantiscono le spese di sostegno alle attività ricreative e di animazione realizzate presso la sede del Centro: giochi, cancelleria, preparazione di pasti equilibrati;
  • Opzione “SCUOLA e SALUTE”: 30,00 Euro al mese. Con la somma di 360, 00 Euro annui, oltre alle spese scolastiche, si garantiscono le spese mediche e l’assistenza sanitaria per un bambino: vaccinazioni, visite e cure mediche, zanzariere per la prevenzione della malaria.

Per tutte le tre opzioni di adozione, l’impegno minimo richiesto è di un anno, attraverso versamenti bancari.

Possono contribuire singoli, famiglie e gruppi (ad esempio gruppi parrocchiali, classi scolastiche o altro). La possibilità di partecipare per i gruppi, soprattutto giovanili, rappresenta un’opportunità per responsabilizzarsi e prendersi un impegno duraturo nel tempo a sostegno dei bambini più in difficoltà.

Adozioni progetto Esperance bambini ivoriani

Bambini del progetto Esperance in Costa d’Avorio

Rapporti con i bambini adottati

Periodicamente dall’Italia partono volontari di I Care per la Costa d’Avorio, per missioni di monitoraggio o visite al Centro. Al ritorno dai loro viaggi sono inviate fotografie aggiornate, notizie sui bambini, disegni, o qualche lettera scritta da loro o dai rispettivi genitori/tutori. Sono gradite le vostre fotografie e lettere che porteremo o invieremo ai bambini. La trasparenza sull’andamento dei progetti sarà resa disponibile tramite:

  • La testimonianza diretta (viaggi con i volontari in loco);
  • Video, mostre fotografiche;
  • Incontri organizzati in varie occasioni con i soci dell’associazione e sostenitori della campagna;
  • Bollettini informativi.